Medarabnews Sguardo sulla stampa euro-araba Sun, 06 Jan 2013 08:43:53 +0000 en hourly 1 EBREI ARABI: TERZO INCOMODO? Sun, 06 Jan 2013 08:43:53 +0000 Redazione

11 gennaio 2013 Ore 15.00-18.00

Aula III (Piano Terra) Facoltà Lettere e Filosofia

Presentazione del libro “Ebrei arabi: terzo incomodo?”: una raccolta di autori israeliani inediti che cerca di dare qualche risposta al complesso e irrisolto conflitto…


11 gennaio 2013 Ore 15.00-18.00

Aula III (Piano Terra) Facoltà Lettere e Filosofia

Presentazione del libro “Ebrei arabi: terzo incomodo?”: una raccolta di autori israeliani inediti che cerca di dare qualche risposta al complesso e irrisolto conflitto che segna da anni l’area israelo-palestinese del Medioriente.

Introduce e modera:

Dott.ssa Claudia de Martino (UNIVERSITÀ CA’ FOSCARI)


Dott.ssa Susanna Sinigaglia (SAGGISTA E CURATRICE DEL LIBRO)


Dott.ssa Sara Valentina di Palma (UNIVERSITÀ DI SIENA)

Prof.ssa Laura Guazzone (UNIVERSITÀ LA SAPIENZA)

Prof.ssa Marina Caffiero (UNIVERSITÀ LA SAPIENZA)


Dott. Dario Miccoli (UNIVERSITÀ CA’ FOSCARI )

Saranno presenti: Ester Fano (rivista Parolechiave), Vera Pegna (Sessione Internazionale della Fondazione Lelio Basso) e Andrea Billau (Radio Radicale)


Facoltà di Filosofia, Lettere, Scienze Umanistiche e Studi Orientali

Piazzale Aldo Moro, 5


]]> 0
MINACCIA ALLA LIBERTA’ ACCADEMICA ED ALL’ESPRESSIONE DEL DISSENSO IN ISRAELE – BEN GURION UNIVERSITY Tue, 09 Oct 2012 12:04:19 +0000 Redazione Riportiamo di seguito un appello lanciato dal Department of Politics and Government della Ben Gurion University per sensibilizzare gli ambienti accademici e l’opinione pubblica a livello internazionale riguardo al rischio che il dipartimento venga chiuso a seguito di

Riportiamo di seguito un appello lanciato dal Department of Politics and Government della Ben Gurion University per sensibilizzare gli ambienti accademici e l’opinione pubblica a livello internazionale riguardo al rischio che il dipartimento venga chiuso a seguito di un provvedimento del Council of Higher Education, l’istituzione dello Stato israeliano che sovrintende all’istruzione superiore. Sebbene venga dipinta come puramente “tecnica”, la decisione del Council of Higher Education, qualora divenisse operativa, rappresenterebbe un ulteriore passo nell’ambito di una più generale aggressione contro l’espressione del dissenso in Israele, soprattutto per quanto riguarda le politiche del governo israeliano nei confronti dei palestinesi e del processo di pace – denuncia il dipartimento dell’Università – oltre che una minaccia alla libertà accademica in Israele.

Dear …

As you may well know I was a founding member of the Department of Politics and Government and the first Director of the Centre for the Study of European Politics and Society at Ben Gurion University in Israel. I am writing to seek your support over the current attack on theDepartment of Government and Politics and the threat to close the department by the Council of Higher Education in Israel.  As you may already be aware on 5 September 2012, a sub-committee for quality control of the Israeli Council for Higher Education proposed suspending student registration in the department for academic year 2013-14, a step that if implement will effectively lead in the closure of the department.  On 23 October the Council of Higher Education will be meeting to vote on the recommendations of the sub-committee.  This attempt to close the department has already caught the attention of the international academic community, I hope I can count on your support in expressing your opposition to this assault notjust on the department at Ben Gurion University but the more universal idea of academic freedom.

In recent years the department of Politics and Government has become the target of several ultra right-wing groups such as “Im Tirtzu”, due to the personal political opinions of some of the department’s members.  But the step by the Council of Higher Education should be seen as part of a much broader assault on expression of dissent in Israel over the policies of the Israeli government towards the Palestinians and the peace process, and serves as a red light over the future of academic freedom in Israel’s higher education system.  The closure of the department of Government and Politics at Ben Gurion University would be the first case, but by no means the last – unless this current trend is strongly opposed and stopped.

The Department of Politics and Government at Ben Gurion University was established twelve years ago with an emphasis on developing an inter-disciplinary approach to study of politics and international affairs.  From an initial faculty of five, the department quickly established a strong and growing national and international reputation.  Now numbering ten its faculty have published widely in leading journals and university presses in their respective fields.   In addition to the introduction of a new BA in Politics and Government, the department has added a master’s degree in Hebrew and an international English language MA in the Politics of Conflict and has played the lead role in the introduction of a minor in European Studies.  The department has hosted a number of international workshops conferences, has been a member of two research consortium with the European Commission Framework 6 and 7 Programs, and its members have secured significant research funding.  The department was responsible for the establishment of the Centre for the Study of European Politics and Society (CSEPS) at Ben Gurion University and its faculty have directed the Centre over the past 10 years.  Its academic programs are highly sought after by students in Israel and its has become one of themost popular political programs in Israel – it has an annual intake of over 150 students per year with only 1 in every 4 applicants accepted

Over a year ago, the Israeli Council of Higher Education appointed an international evaluation committee that was responsible for assessing political science departments in Israel.  As you know, these kinds of evaluations are routine, and the Council of Higher Education carries out these assessments on a regular basis in order to evaluate academic departments in all Israeli universities.  Although the committee raised concerns and suggested measures for each political science department in Israel, it made a point of singing out the department of at Ben Gurion with a particularly harsh set of criticisms.  The committee argued, inter alia,that the department performance was being marred by the “excessive social activism of its members”, that the research output of its members was inadequate, and that students were being poorly prepared and trained.

From the outset, the evaluation process was deeply flawed and, the process appears to have been inappropriately politicized. Prof. Ian Lustick, a prominent American political scientist from the University of Pennsylvania, and an internationally recognized expert on Israeli society and politics, was removed from the evaluation committee for unknown reasons.  The committee’s findings were challenged by the department for being methodologically flawed and full of contradictory statements. For example, When counting the publication of referred journals, the committee ignored over half of the department by including only articles that were published in political science and international relations journals, despite the fact that the department was established as an interdisciplinary department, whose faculty members have published inranking inter-disciplinary journals.  The report, whilst critical of the teaching and quality of the academic programs, but also notes that graduates of the department, who had continued their academic studies in political science, felt that they were well , and as equally prepared as other students.

The evaluation committee recommended in the report submitted to the Council of Higher Education that the Department of Politics and Government implement a series of changes. The most significant recommendations involved increasing the number of faculty members in the department and expanding its curriculum so as to cover more core courses within the discipline.  The report also called for greater “balance” in its programs but failed to note how such “balance” was to be determined and by whom.   As Prof. Galia Golan noted in her minority, dissenting opinion on the recommendations of the report “such a demand runs directly counter to the principle of academic freedom, a basic principle of university education”.  In an unprecedented step, the committee recommended that should those changes not be implemented then, “as a last resort”, the department should be closed.

Despite the reservations expressed about the evaluation process the university, and in close cooperation with the department, the Council of Higher Education, and the two members of the international evaluation committee Prof. Thomas Risse and Prof. Ellen M. Immergut who had been appointed by the Council ofHigher Education to oversee the next stages of the process, immediately released money for the hiring of three new faculty members and the department amended its curriculum. These changes, which were made in record time, were consistent with the recommendations of the Council of Higher Education’s evaluation committee and elicited a positive written response from Profs. Risse and Immergut.

One might have thought that the issue was now closed but the Council of Higher Education’s sub-committee discussed the same issue once again at the beginning of this month and published its new decision, extreme in it severity, which is totally at odds with the evaluation written by the two international members which it has appointed to oversee the process. This latest proposal implies that the goal – to close the department – was marked in advance, without regard to any academic problems; the means of so doing were determined later-on.  Just as had happened with the first professional report over a year ago, the sub-committee’s decision was also leaked to the press even before the department  and the university’s top administrators had  been apprised of the meeting’s results.  These leaks have fostered an atmosphere of a “witch hunt” in the media, which has intensified the feeling that we are dealing with a situation beyond routine professional assessments of academic departments by the Council of Higher Education.

The approval of this decision by the Council of Higher Education [expected in October] will constitute a devastating blow to academic independence in Israel.  Prof. Rivka Carmi, the President of Ben Gurion University has appealed to the Israeli academic community for its support.  I hope that you will add your personal voice and support to the faculty of the department of Politics and Government.

How may you be of help:

1.      Please inform member of your department so that they are aware of this issue and express their support.

2.      Please sign the online petition Over a 1,000 people have already signed the petition

3.      Please consider writing a personal letter to Israel’s Minister of Education Gideon Sa’ar and members of the Council for Higher Education

4.      Please circulate this email to your colleagues and friends

5.      Please inform representatives of any professional associations to which you belong and ask them to write a letter in the name of the association to the Council ofHigher Education.  Many have already done so and their letters can be read on the website

Further background on this issue can found on the website findings of  Evaluation committee can be read Report of the Evaluation Committee

Many thanks for your support on this matter

With all best wishes


Joel Peters

Professor of Government and International Affairs

School of Public and International Affairs

Virginia Tech

]]> 0
BIN LADEN: UNA MORTE ANCORA AVVOLTA NEL MISTERO Wed, 25 Jul 2012 07:50:23 +0000 Nicola Lofoco

“Osama Bin Laden è morto”. E’ il 2 Maggio 2011 quando il presidente degli Stati Uniti Barack Obama annuncia al mondo che il capo dell’organizzazione terroristica “al-Qaeda”, l’uomo più ricercato del pianeta, è stato ucciso…


“Osama Bin Laden è morto”. E’ il 2 Maggio 2011 quando il presidente degli Stati Uniti Barack Obama annuncia al mondo che il capo dell’organizzazione terroristica “al-Qaeda”, l’uomo più ricercato del pianeta, è stato ucciso in un blitz delle truppe speciali “Navy Seals” ad Abbottabad, in Pakistan.  In molti avranno certamente pensato “era ora”, dato che il capo di al-Qaeda era ricercato da tantissimi anni perché ritenuto responsabile di sanguinosi attacchi terroristici contro gli Stati Uniti, di cui il più efferato fu certamente quello dell’ 11 Settembre 2001.  Ma la ricostruzione di quello che è successo durante il blitz è stata fatta in modo molto approssimativo, e le tv e i giornali più importanti non hanno fornito una descrizione precisa di quello che è successo. Tuttavia davanti ad un avvenimento così rilevante (ricordiamo che proprio per  combattere l’organizzazione di Bin Laden ebbe inizio la cosiddetta “guerra al terrore”, che ha provocato migliaia di morti in Afghanistan ed Iraq)  è giusto tentare di ricostruire gli eventi il più fedelmente possibile.

Durante l’operazione “Geronimo”, Obama e tutto il suo staff seguono quanto accade in diretta da Washington. L’ordine di procedere con l’operazione viene dato dal presidente il 29 Aprile. Nella notte tra il 1° ed il 2 Maggio, due elicotteri “Black Hawk”, che trasportano in tutto 23 Navy Seals, si alzano in volo dalla base americana di Jalalabad. Ma una volta arrivati sull’obiettivo, le cose si mettono male. Uno dei piloti dei due elicotteri perde il controllo del mezzo. L’elicottero urta al suolo e perde la coda, come dimostrato da alcune foto. Sembra che non tutto vada per il verso giusto, ma poi l’operazione centra il proprio obiettivo. Bin Laden resta ucciso con alcuni complici, la sua famiglia viene arrestata.

La prima cosa che viene mostrata a tutti, da tanti quotidiani ed agenzie di stampa online, è la foto di Bin Laden senza vita. Una foto che dovrebbe quindi mostrare al mondo la fine del principe del terrore. Peccato che quella foto sia risultata poco dopo totalmente falsa, da molti definita la “ foto patacca”.  Si è trattato certamente di un grossolano errore da parte dei mass media nazionali e internazionali, che hanno dato credito ad una foto palesemente contraffatta. Un’indagine di affermerà che la foto, diffusa dalla Tv pachistana, era un fotomontaggio di una foto di Osama con quella di un cadavere risalente al 2006. Perché la Tv pachistana l’abbia diffusa come reale ancora non è possibile saperlo. Ma le “patacche” non finiscono qua. Poco dopo, un altro fotomontaggio gira per tutto il web. Il viso di Bin Laden montato su un fermo immagine del film “ Black Hawk Down”. Da quel giorno  le vere foto di Bin Laden non sono mai  state  mostrate. Obama le ha definite “raccapriccianti”, e dato che il cadavere di Osama “non è un trofeo”, sempre secondo il presidente americano, le foto sono ancora segrete.

Arriviamo ora agli scatti delle vittime che sono state invece divulgati. In tutto, sono 3 le persone uccise ritratte nelle foto, di cui non viene però rivelata l’identità. La prima foto dovrebbe essere quella di Abu Ahmad Al-Kuwaiti. Al-Kuwaiti era stato identificato come il “corriere” di Bin Laden, colui il quale comunicava all’intera Al-Qaeda gli ordini del leader. Entrava ed usciva con un furgone dal complesso di Abbottabad, ed è seguendo i suoi movimenti che si è arrivati al rifugio di Osama. Anni prima, lo stesso Al-Kuwaiti, sotto falso nome, avrebbe fatto costruire il compound, dove oltre alla famiglia dello “sceicco del terrore” vivevano altre due famiglie. Al-Kuwaiti era anche quello che portava viveri e rifornimenti a Bin Laden ed alla sua famiglia. Secondo alcune testimonianze, ogni tanto nella casa veniva portata qualche capra, probabilmente per avere del latte. Pare che Osama avesse seri problemi economici, in quanto tutti i suoi beni ed i suoi conti all’estero erano stati bloccati. E quindi anche l’approvvigionamento di cibo era scarso. Chi li aiutava anche in questo era il fratello di Al-Kuwaiti, Abrar, ucciso insieme a sua moglie, che dovrebbe essere ritratto nella seconda foto. La terza foto, invece, è quella più misteriosa. Ritrae infatti un uomo molto giovane, con i lineamenti del viso incredibilmente simili a Bin Laden. Alcuni dicono che quello è il cadavere di uno dei figli di Bin Laden, Khaled. Appena inizia a girare sul web questa notizia, in alcuni casi viene detto che si tratterebbe in realtà del corpo di Hamza Bin Laden, ritenuto da molti l’erede di Osama alla guida di al-Qaeda. Comunque sia, non è stato ancora chiarito di quale dei due si tratti. Nei primi giorni, nessuno rende noto questo particolare importante. Alla fine del blitz, il corpo di Bin Laden viene portato via dai Navy Seals. Viene reso noto che il corpo è stato gettato in mare dopo aver avuto un regolare funerale islamico. Su questa dichiarazione nascono successivamente infinite polemiche, soprattutto quando il famoso sito “Wikileaks” di Julian Assange pubblica la notizia che il corpo è invece stato portato negli Stati Uniti, dove sarebbe ora custodito. La famiglia Bin Laden, invece, composta da 3 mogli ed 8 figlie, viene successivamente trattenuta agli arresti domiciliari dalle autorità pakistane con l’accusa di “soggiorno illegale”. Nei giorni successivi, una delle figlie , di cui non viene divulgato il nome né un’immagine, afferma che il padre è stato invece catturato vivo ed ucciso davanti a loro. Così come, mesi dopo, una delle mogli, sempre non identificata, rilascia interviste sulla sua vita con Osama.

Lo scorso 16 Aprile il Pakistan ha espulso la famiglia Bin Laden dal proprio territorio. Molti media hanno detto che l’intera famiglia si sarebbe diretta in Arabia Saudita, ma dove risiedono realmente e cosa fanno ora non è noto. Viene invece resa nota, senza far molto rumore, la notizia che il 6 Agosto 2011 viene abbattuto dai Talebani in Afghanistan un elicottero Chinook con a bordo 22 Navy Seals, appartenenti alla stessa squadra che aveva portato a termine l’operazione “Geronimo”. Non meglio identificati ufficiali americani riferiscono all’Associated Press che però non si tratterebbe dei militari che hanno partecipato direttamente al blitz, anche se appartenevano alla stessa unità che ha compiuto la missione.

Ad Abbottabad forse Bin Laden non aveva scelto a caso il suo rifugio, dato che in passato lui e la sua organizzazione erano stati molto favoriti ed aiutati dai militari pakistani e dall’ISI, il servizio segreto militare del Pakistan. La residenza di Abbottabad, però, è stata demolita lo scorso mese di Febbraio perché stava diventando “meta di pellegrinaggio”. A più di un anno dalla scomparsa di Bin Laden ricostruire con esattezza quello che è successo il 2 Maggio 2011 sembra praticamente impossibile. In attesa che la storia dica la sua, noi ci abbiamo provato.

Nicola Lofoco, laureato in Scienze politiche, è giornalista free lance dal 2000; si è occupato per diverso tempo di radio e tv; oltre ad aver collaborato con diverse testate online, è stato nella redazione de L’ Unità, La  Rinascita, e del Riformista dove si è occupato di politica estera

]]> 0
Syria after President Assad Wed, 25 Jul 2012 05:47:11 +0000 Samir Aita History is accelerating in Syria, but in which direction? The assassination of heads of the security and military apparatus last week was a serious setback for the Syrian regime. It came at a crucial moment, as elements of the Free…

History is accelerating in Syria, but in which direction? The assassination of heads of the security and military apparatus last week was a serious setback for the Syrian regime. It came at a crucial moment, as elements of the Free Syrian Army were struggling to put the regime under pressure in its Damascus stronghold. Morale was boosted in the anti-regime camp, and other groups joined the battle, freeing different cities and border points.

But the regular army is still strong, as well as the militias (known as shabiha) committed to President Bashar al-Assad’s power system. Questions now arise, though, about the final fate of this struggle, even if evidence on the ground shows that both sides want to fight to the end. Will the army continue to follow Assad, his brother Maher and cousins Hafez and Rami Makhlouf – the real people heading the fight, not those killed in the bomb attack on the security headquarters? Or could a ceasefire be brokered, with or without the help of the international observers, between the regular and the “free” armies?

]]> 0
Il lento collasso dello Stato siriano trascina il Medio Oriente verso l’ignoto Wed, 25 Jul 2012 05:30:38 +0000 Redazione

A una settimana dall’attentato che ha parzialmente decapitato la cosiddetta “cellula di crisi” del regime siriano, si respira un clima da “crepuscolo degli dei” a Damasco e nella regione, dove molti si attendono la fine…


A una settimana dall’attentato che ha parzialmente decapitato la cosiddetta “cellula di crisi” del regime siriano, si respira un clima da “crepuscolo degli dei” a Damasco e nella regione, dove molti si attendono la fine di Assad e della sua cerchia di potere. Quando ciò avverrà, il volto della regione non sarà più lo stesso.

Eppure non è ancora finita. Sebbene stia inesorabilmente perdendo terreno, il regime continua ad avere alcune carte da giocare. I recenti feroci scontri a Damasco sono solo il prologo di ciò che potrebbe accadere. Damasco è la posta decisiva. Il regime farà di tutto per difendere la sua capitale. E la ribellione armata non sembra ancora pronta per affrontare una simile battaglia.

A livello regionale ed internazionale la contrapposizione attorno alla crisi siriana – che essenzialmente vede Russia, Cina e Iran schierati contro Stati Uniti (ed alcuni paesi europei), Arabia Saudita, Qatar e Turchia – è più aspra che mai.

La recente decisione americana di sottoporre al Consiglio di Sicurezza una risoluzione che ponesse la crisi siriana sotto la giurisdizione del capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite (che implica l’eventuale uso della forza) ha rappresentato un’ulteriore escalation, e il conseguente veto russo-cinese ha determinato una nuova, grave spaccatura a livello internazionale.

Tutto ciò fa temere che anche dopo il crollo del regime – ormai probabile, ma con tempi tutt’altro che certi – non sarà affatto finita. Anzi, il peggio dovrà forse ancora venire. Sebbene la “guerra per procura” per il controllo della Siria abbia avuto fino a questo momento un impatto relativamente limitato sul terreno in termini di sostegno militare alle parti belligeranti, gli ingredienti per un’ulteriore inasprimento della crisi ci sono tutti.

La prima conseguenza è tragicamente ovvia: altri spargimenti di sangue, orrendi massacri, e terribili sofferenze per la popolazione siriana – in attesa di capire se il lento collasso del regime di Damasco, che sta inesorabilmente spingendo la Siria verso il baratro, trascinerà con sé anche i paesi limitrofi in una sanguinosa guerra settaria, e se la prospettiva di un attacco all’Iran (che si farà incombente il prossimo anno) porterà a una conflagrazione dell’intero Medio Oriente, mettendo potenzialmente a rischio le sorti del mondo.

L’unico modo per scongiurare simili scenari catastrofici potrebbe essere uno sforzo internazionale per disinnescare un’ulteriore escalation, isolando la Siria da ogni ulteriore influsso esterno. L’esito della crisi siriana, qualunque esso sia, non deve essere il prologo per nuovi regolamenti di conti nella regione, e non deve rappresentare una tentazione per ridisegnare ulteriormente gli equilibri mediorientali.

Le forze che la crisi siriana ha scatenato a livello regionale destano preoccupazione, la quantità degli attori coinvolti, le ambizioni che essi nutrono e le minacce “esistenziali” da essi percepite, sono allarmanti. Ogni tentativo di “internazionalizzare” ulteriormente la crisi, in assenza di una reale volontà negoziale, avrà conseguenze disastrose.


Prima di fare un tentativo di descrivere gli ultimi sviluppi in Siria, è bene sottolineare che nessuno sa con certezza cosa stia accadendo nel paese, tenuto conto della campagna di propaganda e disinformazione senza precedenti condotta da tutte le parti coinvolte (senza eccezione), della quasi totale assenza di giornalisti sul terreno, e della segretezza e opacità del regime di Damasco.

L’attentato che la scorsa settimana ha colpito il cuore stesso del regime è esemplare di questa situazione. In esso sono rimasti uccisi il ministro della difesa Dawoud Rajha (cristiano), il suo vice Assef Shawkat (alawita), il consigliere del presidente Hassan Turkmani (sunnita), e – in un secondo momento – il capo della Sicurezza Nazionale Hisham Ikhtiyar (sunnita), morto a seguito delle ferite riportate.

Si tratta di alcuni esponenti di spicco della cosiddetta “cellula di crisi” del governo siriano, responsabile della brutale repressione della rivolta – tutti stretti collaboratori del presidente Assad. Tuttavia la vera figura chiave è Assef Shawkat.

Cognato di Bashar al-Assad (avendone sposato la sorella maggiore Bushra), egli era divenuto uno dei pilastri della ristretta cerchia alawita che circonda il presidente. Ma la sua relazione con la famiglia Assad è stata tempestosa.

Si racconta che il fratello minore di Bashar, Maher, che guida la temuta e odiata Quarta divisione della Guardia Repubblicana, gli abbia addirittura sparato in occasione di un dissidio. Alcuni narrano anche di una velata rivalità fra Shawkat e lo stesso Bashar.

Tuttavia perfino i maggiori esperti di questioni siriane trovano difficile ricostruire con esattezza i rapporti all’interno di una cerchia familiare che si è sempre contraddistinta per la sua quasi totale chiusura al mondo esterno.

Quel che appare certo è il ruolo chiave giocato da Shawkat nell’oppressivo dominio siriano sul Libano, conclusosi con il ritiro del 2005, così come il suo infaticabile sostegno alla “resistenza” palestinese e libanese contro Israele. In particolare, egli fu determinante nell’assicurare appoggio militare e logistico a Hezbollah in quella che il segretario generale del gruppo, Hassan Nasrallah, definì la “vittoria divina” contro Israele nella guerra del 2006 in Libano.

Al pari di altri funzionari siriani di alto rango, Shawkat fu accusato da una Commissione investigativa dell’ONU di essere coinvolto nell’assassinio dell’ex primo ministro libanese Rafiq Hariri, avvenuto nel febbraio del 2005.

La figura controversa di Shawkat però non si limita a questo. In qualità di perfetto rappresentante del regime siriano – un regime che, al di là della propria retorica panaraba e dello sforzo di proporsi come il “campione” della resistenza contro Israele, è sempre stato votato in primo luogo alla propria sopravvivenza – egli ha avuto anche stretti contatti con l’intelligence francese, e ha giocato un ruolo di primo piano nel rapporto con gli americani e nella gestione delle “extraordinary renditions” in terra siriana, in piena era Bush.


Nessuno sa quale sia stata l’esatta dinamica dell’attentato in cui egli è rimasto ucciso, nel corso di una riunione della summenzionata “cellula di crisi”. Le versioni iniziali sono state contraddittorie: le voci che parlavano di un attentatore suicida hanno progressivamente lasciato il passo alla tesi di un ordigno posizionato nella sala della riunione. Ma tutto ciò che la stampa ha riferito in proposito è essenzialmente basato sulle dichiarazioni del regime e sulle rivendicazioni fatte da gruppi armati dell’opposizione.

Tali rivendicazioni sono state numerose: diverse brigate dell’Esercito Siriano Libero ed almeno un gruppo jihadista (Liwa al-Islam) si sono attribuiti il merito dell’operazione.

Le numerose illazioni che sono state fatte sull’attentato possono essere grossomodo ridotte a due ipotesi principali: la prima è che si sia trattato di una resa dei conti all’interno del regime stesso; la seconda è che sia stato effettivamente un attentato compiuto da qualche gruppo della ribellione armata, forse grazie a un supporto di intelligence da parte di servizi stranieri.

Coloro che sostengono la prima ipotesi hanno sottolineato la “strana” tempestività con cui il regime – solitamente noto per la sua propaganda da un lato, e la sua segretezza dall’altro – ha reso pubblica la notizia, sebbene l’attentato abbia rappresentato un duro colpo per la sua autorità e il suo prestigio, per di più in un momento in cui era in atto una pericolosa offensiva dei ribelli a Damasco.

I sostenitori della tesi della “resa dei conti interna” sottolineano come all’incontro tenutosi nella sede della Sicurezza Nazionale, nel cuore della zona più protetta di Damasco, fossero assenti (sempre in base alle notizie che sono “filtrate”), oltre che il presidente Assad e il fratello Maher, anche i capi dei principali servizi segreti: Jamil al-Hassan, capo dell’intelligence dell’aeronautica militare, Mohammed Dib Zaitoun, capo del Direttorato della sicurezza politica, Abdul Fattah Qudsieh, capo dell’intelligence militare, Ali Mamlouk, capo del Direttorato della sicurezza generale, e Hafez Makhlouf, capo della sezione di Damasco di tale Direttorato (e fratello del famoso uomo d’affari Rami Makhlouf).

Si tratta di una cerchia alawita (gli unici sunniti sono Mamlouk e Zaitoun) che rappresenta il vero “nocciolo duro” del regime.

Alcune tesi di coloro che propendono per la “resa dei conti interna” possono però anche essere ribaltate: se davvero si è trattato di un complotto interno, perché dare la notizia proprio in un momento così delicato, mentre la capitale stessa era sotto attacco da parte dei ribelli?

L’attentato può essere visto, infatti, anche come l’evento culminante di un’escalation attentamente studiata, che ha visto l’opposizione armata colpire per la prima volta Damasco in profondità.

Coloro che sostengono che si sia trattato di una brillante operazione condotta dai ribelli ritengono che l’attentato e l’offensiva militare siano stati due elementi strettamente coordinati, nell’ambito di una strategia volta a mettere in ginocchio il regime.

Il giornale al-Quds al-Arabi ha citato fonti secondo le quali l’ordigno sarebbe stato piazzato da un giovane impiegato, arruolato da servizi segreti stranieri, forse turchi o giordani. Altre fonti citate dal giornale puntano invece il dito su ambienti jihadisti affiliati ad al-Qaeda (senza escludere che tali ambienti possano a loro volta essere stati “aiutati” da servizi stranieri).

Ciò metterebbe in evidenza gravi inefficienze da parte dei servizi di sicurezza siriani. D’altra parte, come ha osservato il direttore del giornale Abdel Bari Atwan, tali servizi sono noti non solo per la loro condotta repressiva nei confronti della popolazione, ma anche per la loro corruzione e la facilità con cui sono penetrabili dall’esterno.

Atwan ha ricordato il loro umiliante fallimento in occasione dell’assassinio del comandante militare di Hezbollah Imad Mughniyeh, ucciso nel 2008 a Damasco probabilmente da un commando israeliano (fra l’altro, al centro di polemiche e indagini all’interno del regime siriano fu in quell’occasione proprio Shawkat, all’epoca uno dei principali responsabili della sicurezza).


Comunque siano andate le cose riguardo all’attentato, che la Siria sia divenuta un campo di battaglia in cui si scontrano indirettamente forze regionali ed internazionali, ed in cui operano servizi segreti stranieri è certamente un fatto.

Armi e finanziamenti giungono ai ribelli da Arabia Saudita, Qatar e Turchia, e il Libano è una delle rotte principali di approvvigionamento (le altre passano per il confine turco, per quello iracheno, e in misura minore per quello giordano). Sebbene le armi pesanti, in particolare, abbiano tardato ad arrivare – anche per il timore che finissero nelle mani di gruppi estremisti – ultimamente diverse milizie siriane sono entrate in possesso di missili anti-tank, come testimoniato dai loro crescenti successi militari.

I ribelli siriani sono costituiti per la maggior parte da civili sunniti arruolatisi nelle milizie e da disertori dell’esercito. Tuttavia si sta registrando un crescente afflusso di combattenti stranieri, spesso di tendenze jihadiste radicali, che appartengono a gruppi frequentemente in competizione fra loro.

Al-Quds al-Arabi ha citato fonti della sicurezza giordana secondo le quali negli ultimi mesi sarebbero entrati in Siria oltre 6.000 combattenti “affiliati ad al-Qaeda”. Secondo fonti saudite citate dal giornale si sarebbero anche verificati scontri fra alcuni di questi combattenti e l’Esercito Siriano Libero. Se queste notizie venissero confermate, si tratterebbe certamente di dati allarmanti.

Sebbene gli Stati Uniti finora abbiano sempre affermato di fornire all’opposizione siriana solo materiale “non letale” (ad esempio per le comunicazioni), ultimamente sono giunte crescenti ammissioni da parte di funzionari americani riguardo a un consistente supporto di intelligence fornito da Washington ai ribelli, che certamente ha un immediato impatto sulle operazioni belliche.

Agenti della CIA operano da tempo dal confine turco. Fra gli obiettivi dell’intelligence americana vi è certamente quello di tentare di evitare che le armi inviate da altri paesi giungano in “mani indesiderate”, e di tenere sotto osservazione il temuto arsenale di armi chimiche del regime siriano; ma gli agenti americani hanno anche fornito preziose informazioni di intelligence ai militari turchi e giordani che operano in stretta collaborazione con i ribelli, e talvolta direttamente a gruppi dell’opposizione armata in Siria.

Naturalmente, vi è uno stretto coordinamento anche fra Washington e l’intelligence israeliana, che pure opera lungo i confini siriani.

Sull’altro fronte, Russia e Iran forniscono armi e supporto logistico e finanziario al regime di Damasco. E certamente il coinvolgimento nella crisi siriana delle forze filo-iraniane nella regione (in particolare di Hezbollah) è destinato ad aumentare nell’eventualità di un’ulteriore escalation del conflitto.


Certamente fra gli obiettivi di americani, sauditi e qatarioti vi è quello di facilitare le diserzioni di alti ufficiali e alti funzionari nelle file dell’esercito e delle istituzioni siriane.

Le recenti defezioni del generale Manaf Tlass, figlio dell’ex ministro della difesa Mustafa Tlass e membro di una famiglia sunnita di spicco all’interno dell’élite fedele al regime, e di Nawaf Fares, ambasciatore del regime a Baghdad ed esponente di primo piano della tribù Oqaydat, la principale della Siria orientale (situata a cavallo del confine siro-iracheno), sono state probabilmente agevolate da servizi segreti stranieri (per Tlass si parla di un possibile coinvolgimento dei servizi francesi, mentre la fuga di Fares è stata gestita dal Qatar).

Ma il regime siriano deve incolpare prima di tutto se stesso per questi episodi.

Tlass era stato progressivamente emarginato dai vertici di Damasco poiché aveva mostrato di prediligere una “soluzione politica”, attraverso un negoziato con i ribelli. Nella rottura definitiva fra Tlass e il regime, un ruolo chiave è stato probabilmente giocato dalla repressione militare condotta dalle forze di sicurezza siriane a Rastan, città natale di Tlass e della sua famiglia.

Fares è invece uno di quei leader tribali che inizialmente avevano scelto di schierarsi dalla parte del regime, ed aveva armato la propria tribù contro le proteste antigovernative.

Le cose tuttavia cominciarono a cambiare quando la violenza del regime crebbe nella Siria orientale. Man mano che città e villaggi vennero trascinati nelle violenze, i legami clanici e tribali fecero sì che il fronte antiregime si estendesse progressivamente.

Questa dinamica è dovuta alle tattiche dei ribelli da un lato, ed alla brutale reazione del regime dall’altro: laddove i ribelli si infiltrano, le forze governative intervengono con estrema violenza, distruggendo i villaggi o i quartieri dove essi si sono annidati. Ciò ha l’inevitabile effetto di ingrossare le file di coloro che chiedono vendetta contro il governo.

Di fronte alla reazione rabbiosa della sua tribù a seguito dei combattimenti del mese scorso, che hanno provocato circa 350 vittime a Deir ez-Zor, Fares ha ritenuto opportuno abbandonare il regime per non apparire come un nemico agli occhi della propria gente.

Le defezioni di Tlass e Fares sono un campanello d’allarme che indica che la componente non alawita che appoggia il regime, rappresentata dall’èlite sunnita e dalle lealtà tribali, si sta erodendo.

Sebbene questo processo non sia ancora in una fase avanzata, soprattutto nell’esercito dove non si sono ancora registrate defezioni di interi battaglioni o di generali di alto rango (Tlass rappresenta infatti un’eccezione fino a questo momento, e la sua defezione ha rappresentato per certi versi una “delusione” per l’opposizione, perché egli non si è unito alle file dei ribelli), si tratta certamente di un segnale preoccupante per Damasco.

Se questo processo dovesse prendere piede, sarebbe fra l’altro destinato a inasprire la natura settaria del conflitto, poiché rafforzerebbe l’identità alawita del regime in contrapposizione alla maggioranza sunnita della popolazione.


Il fatto che il governo siriano abbia richiamato truppe dal Golan e dal confine con l’Iraq, facendole convergere verso Damasco, sembra indicare che esso sia disposto a perdere il controllo sulle zone “periferiche” pur di mantenerlo sulla capitale.

Allo stesso tempo, ciò lascia presagire che il regime sia intenzionato a combattere fino alla fine. Il “nocciolo duro” alawita sopravvissuto all’attentato della scorsa settimana rappresenta senza dubbio la sua ala più intransigente; i suoi esponenti, che hanno tutti sostenuto la repressione, sono uniti dallo stesso destino. Difficilmente alcuni potranno sperare di sopravvivere a scapito di altri.

La battaglia per il controllo di Damasco sarà decisiva (anche se il suo momento probabilmente non è ancora giunto). Se dovesse perdere la capitale, all’élite alawita non resterebbe che cercare rifugio nelle montagne lungo la fascia costiera nordoccidentale del paese, storicamente roccaforte della minoranza alawita.

Ma la regione alawita non è etnicamente omogenea, presentando al suo interno diverse sacche di popolazione sunnita. Un ritiro degli alawiti nel nordovest potrebbe dunque portare a orrendi massacri di pulizia etnica.

Alcuni analisti tendono a scartare questa ipotesi, affermando che una volta persa Damasco il regime alawita sarebbe finito, non potendo puntare sulla creazione di uno staterello alawita che di fatto non sarebbe in grado di sopravvivere.

Tuttavia uno scenario in cui gli alawiti si arrocchino nella loro regione non è da escludersi a priori, soprattutto nel possibile contesto di una totale disintegrazione dello Stato siriano, in cui si tratterebbe di sopravvivere alle vendette della popolazione sunnita (finora vittima dei massacri commessi dalle milizie alawite) prima ancora di pensare alla costruzione di un proprio Stato.

Lo scenario di una totale disintegrazione delle strutture statali, del resto, non appare troppo fantasioso se si guarda a quanto sta accadendo nella regione curda, che il regime sembra aver abbandonato a se stessa.

 Il Consiglio Nazionale Curdo (KNC), che rappresenta i principali partiti curdi in Siria, e il Partito dell’Unione Democratica (PYD), braccio politico del Partito del Lavoratori del Kurdistan (PKK), hanno firmato un accordo di condivisione del potere che di fatto crea una sorta di regione autonoma curda in Siria.

L’accordo è stato “benedetto” dal presidente del Kurdistan iracheno Massoud Barzani a Erbil.

Questo risultato – che rappresenta fra l’altro un fallimento dell’opposizione rappresentata dal Consiglio Nazionale Siriano (CNS), essendo la conseguenza della sua incapacità di accogliere le richieste curde – prefigura la nascita di una nuova entità politica con cui si dovranno confrontare i ribelli a maggioranza sunnita qualora dovessero avere la meglio sul regime dominato dalla minoranza alawita.


Ciò a sua volta solleva lo spettro della nascita di uno Stato curdo autonomo, o comunque di un’enclave che rappresenterebbe un rifugio sicuro per il PKK, considerato dai turchi un’organizzazione terroristica – una situazione inaccettabile per Ankara.

Questa è solo la prima di una serie di ripercussioni dagli esiti imprevedibili che il crollo del regime siriano potrebbe determinare.

L’infiltrazione di elementi jihadisti in Siria, ad esempio, fa temere Tel Aviv che le alture del Golan possano diventare un trampolino per lanciare attacchi contro Israele.

Il crollo del regime porrebbe poi il problema della “messa in sicurezza” delle armi chimiche di cui esso dispone, e Israele ha già minacciato un intervento militare qualora si prefiguri il rischio che queste armi cadano in mano a gruppi qaedisti o vengano trasferite a Hezbollah in Libano.

Per altro verso, la probabile caduta di Assad rappresenta una minaccia esistenziale per Hezbollah (poiché lo separerebbe dalla retrovia iraniana), così come potrebbe far esplodere le tensioni settarie nel vicino paese dei cedri.

Anche dopo il crollo del regime, è del tutto plausibile che le ingerenze straniere in Siria proseguiranno, da parte degli stessi attori attualmente coinvolti – primi fra tutti iraniani e sauditi. In un simile contesto risulterà pressoché impossibile sanare le ferite e le tensioni esistenti fra la maggioranza araba sunnita e le minoranze alawita, cristiana e curda – anche se lo Stato siriano dovesse rimanere nominalmente unitario.

L’affermazione dell’ambasciatore americano all’ONU Susan Rice che il Consiglio di Sicurezza “ha totalmente fallito”, e che Washington intensificherà i propri sforzi “al di fuori del Consiglio di Sicurezza” per costringere Assad alla resa, rappresenta un altro durissimo colpo alla legittimità dell’ONU, e lascia presagire un ulteriore inasprimento della “guerra fredda” attualmente in corso fra le grandi potenze attorno alla Siria.

Questa impressione non può che essere rafforzata dalle dure reazioni di Mosca e Pechino alla presa di posizione della Rice.

L’agenzia ufficiale cinese Xinhua ha dichiarato che i diplomatici occidentali “hanno mostrato arroganza ed inflessibilità” nei negoziati, determinando il loro fallimento. Il portavoce del ministero degli esteri russo ha definito i commenti della Rice “un segnale molto allarmante”.

Ben più dure erano state alcune settimane fa le dichiarazioni del presidente russo Putin, il quale aveva accusato senza mezzi termini l’Occidente di voler esercitare la propria influenza nel mondo arabo esportando la “democrazia dei missili e delle bombe”.

Se a questa durissima contrapposizione internazionale, e all’allarmante situazione all’interno della Siria, si aggiunge il fatto che nessuno conosce realmente le diverse componenti dell’opposizione siriana nel paese, che essa è frammentata al suo interno in una miriade di fazioni in competizione fra loro, e che l’appoggio di Washington nei suoi confronti difficilmente si tradurrà in una reale capacità di influenzarne le decisioni, allora si comprende come l’affermazione di alcuni analisti americani, secondo cui Washington starebbe puntando a una “demolizione controllata” del regime di Damasco, rischi di rivelarsi una tragica illusione.

Come ha affermato più onestamente Marina Ottaway, del Carnegie Endowment for International Peace di Washington, “non abbiamo la più pallida idea di ciò che accadrà”.

]]> 3
DOVE STA ANDANDO IL MEDITERRANEO? Tue, 24 Jul 2012 18:00:52 +0000 Franco Rizzi

In questo periodo di grande fermento nel Mondo Arabo si percepisce la mancanza di una visione strategica del Mediterraneo e l’inadeguatezza delle categorie mentali con le quali abbiamo letto la politica e gli andamenti della


In questo periodo di grande fermento nel Mondo Arabo si percepisce la mancanza di una visione strategica del Mediterraneo e l’inadeguatezza delle categorie mentali con le quali abbiamo letto la politica e gli andamenti della società dell’altra riva. Per questo motivo è necessario attrezzarsi per comprendere dove sta andando il Mediterraneo.

La proposta dell’Unimed è quella di creare un Forum Permanente sulle problematiche aperte in seguito agli avvenimenti della primavera araba, ponendo al servizio della società, così come della politica italiana ed europea, un know-how di conoscenze per riflettere nel breve e nel lungo periodo su come ricostruire delle categorie mentali che ci permettano di capire meglio i bisogni che sono alla base di queste rivolte.

Le rivolte nel Mediterraneo hanno definitivamente cambiato il modo con il quale analizzavamo le prospettive politiche e culturali della regione. Neanche lo storico  conflitto arabo israeliano e israelo palestinese era riuscito a mettere  in discussione le nostre analisi  sul Mediterraneo. Le definizioni di questo Mare erano diventate vuote, retoriche e avevano perso il loro significato. “ Mare fra le terre”, “ mille cose insieme, non un paesaggio, ma innumerevoli paesaggi”, regione caratterizzata da “civiltà accatastate”, “culla delle tre religioni monoteistiche”, luogo  dello scambio commerciale e culturale e così via. Potremmo andare avanti in questo esercizio di memoria. Né a cambiare la situazione sono intervenuti i numerosi convegni che puntualmente si organizzano intorno al tema del Mediterraneo, anzi, a dire il vero, essi  hanno contribuito, in molti casi, a diffondere una vulgata superficiale del Mediterraneo.

Sarebbe però ingeneroso e poco corretto attribuire la colpa di questo stato di cose solo agli innumerevoli convegni dai titoli quasi sempre uguali, senza richiamare l’attenzione sul limitato appeal che gli studi sul Mediterraneo hanno avuto nelle università e sul numero esiguo di cattedre ad esso dedicate. Vi sono però altre cause che hanno contribuito a creare questo stato di cose. Mi riferisco essenzialmente alla produzione del discorso politico che ha accompagnato le iniziative dell’Unione Europea e degli  Stati Uniti in questa regione.

Sin dalle prime fasi della sua costruzione, l’Europa ha guardato al Mediterraneo con un misto di volontarismo e di senso di colpa per la sua politica coloniale e postcoloniale. Essenzialmente la nascente Comunità Europea non sapeva che cosa fare con le sue ex colonie e protettorati e di conseguenza in mancanza di una politica mediterranea articolata, si sono sviluppate forme di intervento economico con lo scopo di rinsaldare le antiche influenze. Questa lettura dei rapporti tra le due rive del Mediterraneo mi sembra essere il filo rosso che caratterizzerà tutte le scelte successive della politica mediterranea europea da quella pomposamente definita PMG (Politica Mediterranea Globale), alla PMR (Politica Mediterranea Rinnovata ), alla Conferenza di Barcellona, alla creazione dell’UPM ( Unione Per il Mediterraneo ). Alla mancanza di una riflessione profonda sui traumi e le fratture che la colonizzazione aveva determinato corrispondeva una politica della rimozione e dell’oblio. Questo nodo era lì e nessuno si azzardava a intraprendere un cammino per scioglierlo come è stato per altre vicende dolorose che hanno riguardato l’Europa, come ad esempio l’olocausto. Il sogno di una politica globale  che inserisse il Mediterraneo in un quadro europeo portava quindi in sé la contraddizione di cui dicevo prima, tanto da esplicitarsi nell’individuazione di linee politiche astratte a cui i paesi del sud dovevano aderire. La Dichiarazione di Barcellona del 1995 è stata l’esempio di scuola. Il suo fallimento, contrariamente a quanto normalmente si dice, non è dipeso da una incapacità tecnica di realizzare cose concrete, ma soprattutto dalla mancanza di una visione politica  che relegava il nodo della memoria del passato ad una affrettata pagina di storia da girare o da dimenticare. Allo stesso tempo, e giustamente, avanzavano, dopo la seconda guerra mondiale, nella coscienza civile europea i principi di  libertà e di democrazia, senza che la loro mancanza di applicazione costituisse però un impedimento quando si trattava dei paesi della riva sud del Mediterraneo governati da dittature sanguinarie: gli affari sono affari. Allora cosa rimaneva da fare se non rivestire vecchi comportamenti  con un discorso ideologico a cui intere generazioni di giovani hanno creduto: “fare del Mediterraneo – così recitava la Dichiarazione di Barcellona – un mare di pace e di ricchezza condivisa”. Nessuno però sapeva come fare. L’ideologia andava da una parte e la storia dall’altra: l’assassinio di Rabin, gli attentati omicidi da parte palestinese e israeliana e fra questi la gente che forse per un momento, dopo Oslo, aveva creduto che la pace tra israeliani e palestinesi si potesse realizzare. La mancata risoluzione di questo problema ha determinato la morte della speranza e l’irrigidimento degli atteggiamenti delle società civili da ambo le parti.

In questa cornice ha avuto buon gioco il terrorismo islamico che ha frapposto la sua politica del terrore ad ogni tentativo di portare a termine qualsiasi iniziativa di dialogo e paradossalmente diventando funzionale alla politica occidentale basata sulla paura dell’estremismo, in parte fondata,  in parte fittizia.

In ogni caso questo stato di cose ha legittimato  una serie di schemi mentali attraverso i quali noi occidentali abbiamo guardato il mondo arabo musulmano. In questo contesto non ci sembrava stravagante chiedersi se l’Islam fosse compatibile con la democrazia né tantomeno organizzare convegni e seminari su questi temi; né avevamo alcun problema a fare nostro il leitmotiv della incompatibilità dell’Islam con l’Occidente, con la relativa conclusione dell’inevitabilità dello scontro tra queste civiltà. Anche l’esportazione della democrazia e la lotta al terrorismo era un topos cui si faceva ricorso per giustificare la guerra  in Iraq e in Afghanistan.

Cosa è rimasto di tutto questo bagaglio di luoghi comuni alla luce delle rivolte del mondo arabo: quelle riuscite, quelle in corso, quelle che registrano, come in Siria, migliaia e migliaia di morti senza che il potere sia stato capace di mettere a tacere la ribellione popolare? Questi schemi con cui leggevamo il mondo arabo musulmano sono miseramente caduti e noi occidentali ci troviamo nudi alla meta. Questa è la vera ragione per cui non sappiamo dire nulla se non chiacchierare su possibile derive islamiste. Ancora una volta grazie al nostro spirito eurocentrico ci ergiamo a maestri su ciò che sarebbe auspicabile che questi paesi, attraversati da un cambiamento profondo, facessero perché la primavera non sprofondi in un cupo inverno. Quali sono gli aiuti concreti che l’Occidente sta predisponendo, e non parlo solo di quelli economici finanziari, mi riferisco soprattutto, all’apporto di idee e di sostegno a questo periodo delicato di transizione? Si sente solo il rumore assordante del silenzio. La scena si anima quando Sarkozy e Cameron prima ,Erdogan, poi vanno in Libia a rivendicare la primauté del loro intervento ricordando ai libici che i loro Paesi dovranno avere un posto privilegiato nella spartizione delle ricchezze di quel  territorio così martoriato. La storia non insegna proprio niente.

Se è vero come è vero che il deficit più grande che caratterizza la nostra società è la mancanza di una visione strategica del Mediterraneo alla luce delle rivolte arabe, se è vero che le categorie mentali con le quali  abbiamo sempre letto la politica e gli andamenti delle società dell’altra riva  sono obsolete, bisogna attrezzarsi per capire dove sta andando il Mediterraneo.

La proposta che noi facciamo, come l’UNIMED, un associazione che raggruppa 84 università del bacino del Mediterraneo, è di porre al servizio della società e della politica italiana ed europea un know-how di conoscenze per riflettere nel breve e nel lungo periodo a come ricostruire delle categorie mentali che ci permettano di capire meglio i bisogni che sono alla base di queste rivolte attraverso una discussione e un incontro con i protagonisti della primavera araba e di tutti quelli che vogliono raccogliere questa sfida. Si tratta di una collaborazione che coinvolga le università delle due rive del Mediterraneo insieme agli uomini politici, alle donne, agli uomini d’affari per riflettere su dove sta andando oggi il Mediterraneo. Proponiamo quindi la creazione di  un Forum strategico permanente che permetta, grazie ad una continuità di analisi sociali politiche ed economiche, preventivamente individuate e condotte da ricercatori delle due rive, che si confrontano con politici, uomini d’affari, intellettuali e rappresentanti della società civile, di contribuire all’affermazioni di significati più aderenti alla situazione odierna del Mediterraneo. Credo che così facendo, avendo chiaro il nostro percorso, si possa grazie a questa comunità di saperi, contribuire all’ elaborazione di un sguardo diverso verso questo mare.

Franco Rizzi


]]> 4
Brotherhood faces Damascus challenge Mon, 23 Jul 2012 05:42:09 +0000 Marwan Kabalan

Last week, the Syrian Muslim Brotherhood (Al Ikhwan) held its first national conference in 30 years in Istanbul. The meeting brought together leaders and members of the organisation for the first time since its exit from Syria in early


Last week, the Syrian Muslim Brotherhood (Al Ikhwan) held its first national conference in 30 years in Istanbul. The meeting brought together leaders and members of the organisation for the first time since its exit from Syria in early 1980s. The meeting fed speculations that the group may be preparing to return home should the regime of President Bashar Al Assad collapse.

In fact, since the breakout of the uprising almost 17 months ago, the Syrian Muslim Brotherhood has been trying to re-establish itself as a major force in the country’s political life.

The Egyptian presidential elections in which the Muslim Brotherhood succeeded — after 80 years in opposition — in putting its candidate in the presidential palace has also revived hopes that in Syria too the Brotherhood could realise its long-awaited dream of ruling the country.

Yet the different historical experiences of the organisation in Syria and Egypt could make its task in Syria much more difficult, though not impossible.

]]> 0
I liberali egiziani e le battaglie sbagliate Mon, 23 Jul 2012 05:30:10 +0000 Khalil al-Anani 23/07/2012

Original Version: ليبراليو مصر والمعارك الخاطئة

Le cosiddette correnti “liberali” e “laiche” in Egitto hanno commesso l’errore di schierarsi con le forze armate, e di creare schieramenti politici, solo sulla base della loro ostilità alle correnti islamiche – sostiene


Original Version: ليبراليو مصر والمعارك الخاطئة

Le cosiddette correnti “liberali” e “laiche” in Egitto hanno commesso l’errore di schierarsi con le forze armate, e di creare schieramenti politici, solo sulla base della loro ostilità alle correnti islamiche – sostiene l’analista egiziano Khalil al-Anani


La rivoluzione del 25 gennaio non ha cambiato la composizione politica dell’elettorato egiziano, che si trova ancora stretta tra le differenti anime dell’Islam politico, dagli islamisti di estrema destra (salafiti ed ex jihadisti) a quelli di estrema sinistra (Fratelli Musulmani, islamisti indipendenti e sufi). Mentre gli islamisti approfittano della rivoluzione in diversi modi, sia rafforzando la loro presenza sociale ed organizzativa, sia grazie ad una continua espansione nello spazio pubblico, i liberali dal canto loro continuano a dividersi e ad esaurire le proprie forze in battaglie intestine, coinvolti in una decadenza morale che ha eroso quanto rimaneva delle loro riserve elettorali. Il colpo di grazia per i liberali, a quanto si dice, è stato inferto dalla vittoria di Mohammad Morsi nella corsa alla presidenza della repubblica, che ha comportato l’insediamento dell’egemonia islamista, a livello formale ed oggettivo, nella vita politica egiziana.

La reazione dei liberali all’ascesa degli islamisti in Egitto conferma che i loro problemi sono profondi e strutturali, e che non sono affatto tattici o temporanei: tanto per fare un esempio, è sufficiente pensare ai disperati tentativi di equilibrare il confronto politico con gli islamisti. Molti sono i leader liberali caduti in errori banali, ma il più fatale per loro e per le loro idee è stato quello di rendersi complici (direttamente o indirettamente) della dittatura, e di radunare i transfughi del vecchio regime in vista dello scontro con gli islamisti. Essi lo hanno fatto imponendo il loro controllo sul “mercato” mediatico e cercando protezione in seno al Consiglio militare, le cui  file sono state aizzate contro il presidente eletto. Queste non sono pratiche nuove per molti liberali, i quali sin dall’inizio della rivoluzione si sono continuamente preoccupati di allinearsi agli interessi delle forze armate, contrariamente agli islamisti, nel tentativo di fermare l’avanzata politica ed elettorale di questi ultimi;  alcuni di loro addirittura non hanno avuto alcuno scrupolo nel chiedere all’esercito di restare al potere, intimoriti dall’idea che gli islamisti potessero conquistarlo.

Incuranti della loro umiliante decadenza morale ed intellettuale, i liberali hanno disconosciuto i principi della democrazia, accettandone degli altri, senza rendersi conto che la vera tragedia è stata decretata dalla  stupidità politica che li ha posti nello stesso solco del regime autoritario; così è definitivamente scomparso quanto rimaneva della credibilità del pensiero politico liberale nello spazio pubblico egiziano. Il risultato è stato che quanto più gli islamisti avanzano a livello politico e popolare, tanto più i liberali retrocedono dal punto di vista morale e ideologico, e perdono la loro presa sul popolo.

Un gruppo di partiti e correnti che si definiscono “civili” si sono impegnati a formare una “terza corrente” con lo scopo di respingere gli islamisti. Si è trattato però di un tentativo disperato e destinato al fallimento sin dall’inizio, e non solo a causa dell’incoerente composizione ideologica di questo fronte, del quale facevano parte neoliberisti e personaggi fuoriusciti dalla sinistra, senza alcun rispetto per le regole della democrazia, ma anche in ragione della debolezza delle loro pretese politiche. Perciò appare anche superfluo ricordare  la confusione di definizioni e la banalità delle espressioni ( terza corrente, corrente civile, ecc) utilizzate per identificarsi – uno dei tanti segni dell’inevitabile fallimento della pretesa di esercitare un qualsiasi tipo di influenza nel prossimo futuro.

In primis, non esiste alcun collante ideologico o intellettuale, né un progetto politico comune che possa riunire i cosiddetti liberali: invece di raccogliersi sulla base delle loro idee e dei loro progetti di governo, essi sono uniti esclusivamente dall’ostilità nei confronti dell’Islam politico. In secondo luogo, negli ultimi mesi, è apparso chiaro il livello di opportunismo che caratterizza le anime che compongono questa “corrente”, così come si è accertata l’inconsistenza delle posizioni politiche di questo fronte, la sua mancanza di integrità nei valori ed il conseguente arretramento in termini di popolarità. Inoltre non esiste alcun segnale che possa far pensare alla trasformazione della corrente liberale in un movimento popolare dotato di strutture organizzative e radicato nella società: infatti, i suoi membri, invece di attivarsi per ottenere un vero sostegno popolare, si sono accontentati di tenere altisonanti discorsi in alberghi lussuosi – non molto frequentati dagli egiziani, a dire il vero – il ché rappresenta una continuazione della logica di autoreferenzialità e di supponenza del fronte liberale.

Per la terza volta, nel corso di poche settimane, i liberali hanno commesso lo stesso ingenuo e banale errore, e dopo aver sostenuto in segreto ed in pubblico  Ahmed Shafiq – candidato del vecchio regime alle elezioni presidenziali, che alcuni di loro non hanno avuto remore a definire “il protettore dello stato civile” in Egitto – sono tornati a sostenere il golpe costituzionale compiuto dalla giunta militare, quando è stato decretato lo scioglimento del primo parlamento eletto in Egitto dopo la rivoluzione, a causa dell’incostituzionalità della legge elettorale. I liberali sono rimasti in silenzio anche quando l’esercito ha varato la dichiarazione costituzionale che assicurava il potere al Consiglio militare conferendogli anche il potere legislativo; ed al solo scopo di danneggiare  gli islamisti, hanno preferito non protestare di fronte ad un crimine come quello che le forze armate hanno compiuto annullando il risultato del voto parlamentare.

Ultimo errore commesso dai liberali è stato quello di opporsi alla recente decisione del presidente di riconvocare il parlamento eletto. Questa posizione dei liberali seguiva la precedente decisione del Consiglio militare; e sempre spingendo in questa direzione, alcuni esponenti di questo  fronte (e dunque non solo il Consiglio superiore delle forze armate) hanno addirittura esplicitamente esortato al colpo di mano militare, invocando “protezione” per lo stato civile. Fra loro c’è già chi sostiene che l’esercito e il Consiglio militare siano ormai sotto il comando del nuovo presidente, perlomeno dal punto di vista formale. Nonostante ciò, alcuni liberali vivono ancora protetti dalla “sottana” delle forze armate, e ritengono che il potere sia ancora in mano al Consiglio militare. Certamente esistono relazioni tumultuose tra il nuovo presidente e l’apparato militare; ma nonostante questo, l’esercito non mostrerà di sostenere apertamente la corrente liberale di fronte al presidente, né manifesterà fiducia nel progetto politico di tale corrente. Anche per questo, dunque, i liberali sono rimasti piuttosto scioccati dalla reazione, secondo loro non sufficientemente ferma, del Consiglio militare alla decisione del presidente di riconvocare il parlamento. I liberali sono rimasti increduli nel vedere il parlamento riaprire le porte ai deputati e tornare a riunirsi.

La realtà è che i leader del fronte liberale sono diventati solo un fardello per l’Egitto ed hanno svolto un ruolo deleterio sia nello spazio pubblico che in quello privato: sono questi dirigenti ad aver stretto accordi con certi uomini d’affari, esponenti di un capitalismo selvaggio che non tiene in grande considerazione la giustizia sociale e l’uguaglianza di tutti gli egiziani. D’altra parte però, esiste indubbiamente una corrente liberale giovanile che crede nel pluralismo ed è desiderosa di costruire dei ponti per dialogare con le differenti correnti politiche egiziane; purtroppo quest’anima del fronte liberale è ancora in fase embrionale ed avrà bisogno di molto tempo ancora, prima di riuscire a radicarsi nella coscienza politica del paese, e quindi avviare una ricostruzione partendo dai fallimenti degli attuali dirigenti. Questa corrente rappresenta una parte della nuova generazione che è apparsa nella vita politica egiziana dopo la rivoluzione; i suoi sforzi, sono tesi a riconsiderare le idee e gli orientamenti attuali in modo da modellare una nuova organizzazione politica che sia in armonia con le sue aspettative riguardo a un nuovo stato fondato sulla libertà, la giustizia e la dignità.

Khalil El-Anani è un analista egiziano; è ricercatore presso la School of Government and International Affairs dell’Università di Durham

(Traduzione di Francesco Saverio Leopardi)

]]> 2

“Macro” e “micro” politica s’intrecciano sull’agenda del presidente Mursi, e non è detto che la prima sfera sia più impegnativa della seconda. I contatti internazionali che il gruppo di supporto al dottore diventato Capo di…


“Macro” e “micro” politica s’intrecciano sull’agenda del presidente Mursi, e non è detto che la prima sfera sia più impegnativa della seconda. I contatti internazionali che il gruppo di supporto al dottore diventato Capo di Stato aveva mantenuto durante tutta la fase della propria ascesa sulla scena nazionale ora acquistano la centralità e l’ufficialità che la carica impone. Dopo la liberatoria ricevuta con la visita di Hillary Clinton al Cairo, il primo incontro estero ha condotto Mursi presso la corte della dinastia saudita. Si sa quanto il ricchissimo Paese del Golfo tenga alle dinamiche di potere nella regione, quanto s’impegni per governarle attraverso la sua creatura (il Consiglio di Cooperazione del Golfo) votata alla conservazione dello status quo, all’alleanza economico-militare con gli Statu Uniti, alla lotta a distanza contro le velleità di altre nazioni che mirano alla leadership nell’area, nella versione del sunnismo laicizzato erdoğaniano e dello sciismo del velayat-e-faqih degli ayatollah iraniani. Da mesi abbiamo sotto gli occhi il copioso lavoro d’orientamento che potenti alleati di re Abdallah, su tutti l’emiro qatarino Al Khalifa, mettono in atto grazie a media di successo di cui sono proprietari ed editori: Al-Jazeera. Sua la vasta eco sulle rivolte arabe definite rivoluzioni, suo il racconto della crisi siriana secondo canoni molto apprezzati a Washington.

Nella frammentazione e nella ricomposizione delle alleanze mediorientali la partita è apertissima su fronti diplomatici e frontiere statali. Alla guerra civile in corso fin nel cuore di Damasco, si aggiunge lo spettro di conflitti-aggressioni cui i militarismi consolidati – quello statunitense guardiano del mondo, più le alleanze in loco turca e israeliana – possono lanciare contro Stati nazionali, siano regimi in dissolvimento come quello di Assad, nazioni fragili come il Libano, nemici ormai storici come Teheran. L’Egitto, che ha nell’apparato militare un attore di primo piano nelle vicende interne, per volontà della leadership di maggioranza e dello stesso Consiglio Supremo delle Forze Armate si tiene ben lontano da qualsiasi avventura guerresca. Eppure proprio dai contatti internazionali il neo Capo di Stato si trova tirato per la giacca da chi per scelta, alleanze pregresse o necessità attuali è coinvolto nello scontro diplomatico, in quello militare attivo o in quello ipotizzato. Dal momento della sua elezione Mursi sta ricevendo inviti dal corrispettivo iraniano Ahmadinejad, presidente isolato in casa dopo la rottura con la Guida Suprema e gli scandali in cui s’è ritrovato col suo staff. Seppure non potrà più essere rieletto nelle elezioni del 2013 l’ex basij gioca per la sua fazione, e nell’ipotesi di un forzato rimescolamento delle alleanze in Medio Oriente rivolge al Cairo la calamita di un avvicinamento al Movimento dei non Allineati.

La risposta egiziana non è arrivata perché la Fratellanza non vuole compromettere il recente benestare ricevuto dalla Casa Bianca, ma non è detto che Teheran riceva chiusure e rifiuti. Anzi. Volendo lanciare una nuova governance interna ed estera, l’amministrazione Mursi può proporre il suo popoloso Paese come riferimento, vincendo la subordinazione dei tempi recenti nei confronti degli altri grandi del Medio Oriente. Proprio mentre un sunnismo oltranzista cerca scontri con la componente sciita, smarcarsi da una visione di rinnovato conflitto religioso alla maniera irachena può costituire una diversa via. I regnanti del Golfo temono questa prassi perché la Fratellanza è un’organizzazione che può contestare dall’interno le proprie monarchie. Segnali sono giunti ultimamente dal piccolo Kuwait, mentre da tempo in Giordania il Fronte d’Azione Islamica s’è smarcato dal coinvolgimento per la riscrittura della legge elettorale avvicinandosi ad altri gruppi d’opposizione al sovrano hascemita. Moderata quanto si vuole, la Fratellanza è vista dalle petromonarchie come una componente che in Egitto, Tunisia, Marocco ha cavalcato le proteste e ha ottenuto enormi vantaggi elettorali e di potere, “sporcandosi le mani” con quelle piazze che invece emiri e sovrani del Golfo temono come la peste. Certo, sull’agenda di Mursi accanto ai meeting mondiali ci sono i conti in rosso delle casse statali, e nel gioco dei corteggiamenti Riyad fa pesare, rispetto a Teheran, le enormi possibilità di finanziamenti. Ma i 4, 6 o 8 miliardi di dollari di prestito prospettati dai sauditi restano tuttora sulla carta.

Potrebbero aiutare il presidente ad attuare quel programma sociale che il Partito della Libertà e Giustizia, prima di lui, aveva promesso in campagna elettorale insieme a strade da costruire, bonifica nelle campagne da effettuare, inquinamento urbano da risolvere. Fra le grane s’aggiunge in questi giorni la protesta di cittadini, molti dei quali suoi elettori, della circoscrizione di Giza (dove sorgono le famose piramidi) che hanno occupato la sede del governatorato per carenza d’acqua. Circa mezzo milione di persone ne lamentano la mancanza per quasi l’intera giornata (viene erogata una o due ore la notte). Molti incontri avuti con politici e coi responsabili dell’azienda sono risultati infruttuosi, così la gente è passata all’azione, pacifica ma decisa a non mollare e ha messo catene e lucchetti al palazzo dell’amministrazione.

“Stanno giocando con noi come fossimo fantocci” si lamentano persone che sono ancora più arrabbiate perché località vicine – Dokki, Zamalek, Mohandiseen – hanno l’acqua 24 ore al giorno pur essendo a 30 km dal Nilo, mentre Saft e Laban (nel distretto di Giza) a 3 km dal fiume vengono lasciate all’asciutto. Chissà se simili questioni verranno poste anche nel corso del programma “Il popolo domanda, il presidente risponde”, nuova trasmissione della Radio di Stato introdotta allo scoccare  del Ramadan dal noto presentatore Amal Fahmy. Un’iniziativa nazional-popolare voluta dai collaboratori del presidente per mostrarlo accanto alla gente. Con quali effetti pratici si vedrà.

23 luglio 2012

Enrico Campofreda è laureato in Storia presso ‘La Sapienza’, e specializzato a ‘RomaTre’. Giornalista dal 1988, ha collaborato con Paese Sera, Il Messaggero, Corriere della Sera, Il Giornale, La Gazzetta dello Sport, Il Corriere dello Sport, Il Manifesto scrivendo di sport. Attualmente collabora con Terra e con testate web seguendo politica estera e sociale. Ha pubblicato due romanzi “L’urlo e il sorriso”, Di Salvo, Napoli, 2007;  “Hépou moi”, ABao AQu, Rovigo, 2010

]]> 0
Morsy to renew the Brotherhood-Saudi relationship Sat, 21 Jul 2012 05:39:07 +0000 Sultan al-Qassemi President Mohamed Morsy’s visit to Saudi Arabia last week was a success. The fact that the visit even took place is major for the Muslim Brotherhood, an organization that suffered under deposed President Hosni Mubarak and had been regarded with…

President Mohamed Morsy’s visit to Saudi Arabia last week was a success. The fact that the visit even took place is major for the Muslim Brotherhood, an organization that suffered under deposed President Hosni Mubarak and had been regarded with suspicion by the latter’s allies in Riyadh.

By inviting the president to Saudi Arabia, Riyadh showed that it is willing to deal practically with whoever is in power in Cairo, as long as its interests are maintained. Morsy’s high-level meetings in Jeddah were attended by a coterie of Saudi officials, including King Abdullah, Crown Prince Salman and the new interior minister, Prince Ahmed bin Abdul Aziz.

According to the Brotherhood’s official newspaper, four issues were on the discussion table in Saudi Arabia: Egyptian labor in the kingdom, the Syrian uprising, Gulf security, and the economy. Following is a scorecard of the mission.

Firstly, according to Saudi reports, about 1.6 million Egyptians live and work in the kingdom, making it the largest concentration of Egyptian expats in the world and, therefore, a significant voting block. Morsy promised the Egyptian expats there a host of economic concessions and appointed a presidential adviser for expatriate affairs.

Secondly, earlier this year, Saudi Foreign Minister Saud al-Faisal — who was present at the meetings with Morsy — had called arming the Syrian opposition an “excellent idea.”

Although numerous reports emerged that Saudi Arabia (along with Qatar) has indeed already started arming the Syrian rebels, it is likely that this aid would increase significantly should the opposition’s Muslim Brotherhood-dominated Syrian National Council provide assurances to the kingdom. Egypt’s new president, who during his inaugural address called for an end to the bloodshed in Syria, is the best person to relay these assurances.

It is also telling that, in addition to Foreign Minister Mohamed Kamel Amr, Egyptian intelligence chief Mourad Mowafy accompanied Morsy on his visit to the kingdom. Mowafy succeeded Omar Suleiman, former intelligence chief and the Brotherhood’s No. 1 enemy, after he was appointed as Mubarak’s vice president during the uprising.

]]> 0